Maschere viso come farle senza errori per averne tutti i benefici

Le maschere viso sono diventate un prodotto di cosmesi irrinunciabile. Da qualche anno a questa parte ne esistono di ogni tipo vendibili ovunque e purtroppo se ne trovano in giro alcune formulate con ingredienti dannosi.

Le maschere viso però sono un vero e proprio rituale di bellezza che va eseguito nella maniera corretta per ottenere tutti i benefici che il prodotto promette. Infatti con questo articolo voglio fare chiarezza su alcuni errori comuni che vengono fatti quando si fa una maschera a casa. Vediamo insieme passo dopo passo come migliorare la beauty routine con le maschere viso.

Quando:

Ti sei mai chiesto quale fosse il momento migliore per applicare la maschera? Senza dubbio quando si ha tempo ma dovendo scegliere è meglio nelle ore serali per esempio dopo il lavoro o dopo cena prima di andare a dormire. Infatti la notte è il momento migliore per applicare creme e maschere perché la pelle è maggiormente predisposta all’assorbimento. Infatti la mattina i tessuti sono più in tensione e man mano che ci avviciniamo alla fine della giornata si ammorbidiscono. Inoltre la temperatura della pelle durante il giorno è più bassa perché il corpo è riposato al contrario della sera. L’aumento della temperatura dell’epidermide permette alla maschera e alle creme di penetrare profondamente nei tessuti, ottenendo così; risultati migliori.

Come:

Se hai poco tempo a disposizione meglio non fare una maschera. Dopo averla applicata rilassati e non fare assolutamente nulla. Con la maschera sul viso non fare alcun tipo di attività che può costringere il tuo corpo a fare sforzi e indirettamente anche a sforzare i muscoli facciali penalizzando così i risultati della maschera. Rilassati, prenditi del tempo per te, ascolta un po’ di musica e sorseggia qualcosa da bere ma concediti una vera pausa —> NO STRESS 

Chi:

Non tutte le maschere sono per tutti i tipi di pelle. Di seguito ti illustro le principali caratteristiche della pelle disidratata, mista/grassa e secca in modo da poter scegliere un prodotto ottimale per la tua pelle!

  • Pelle disidratata: è rugosa al tatto, presenta piccoli segni di disidratazione che sono simili alle rughe, il colorito appare spento. La riconosci a causa dell’accumulo di cellule morte sulla superficie dell’epidermide.
  • Pelle mista-grassa: è lucida, grana cutanea irregolare e pori molto dilatati, soprattutto a livello della zona T (fronte, naso, mento). Soggetta a imperfezioni non di tipo grave come la comparsa di brufoli e punti neri. Questi ultimi sono una constante per i soggetti con pelle grassa perché vi è un’eccessiva attività delle ghiandole sebacee del derma che crea un’alta produzione di sebo sulla superficie cutanea. Questo tipo di pelle è facile da riconoscere in base alle caratteristiche descritte sopra.
  • Pelle secca: è fragile: ruvida al tatto e “tira”.  Questo tipo di pelle è esattamente l’opposto di quella grassa perché vi è una debole produzione di sebo.

Se vuoi qualche consiglio sulle maschere per il giusto tipo di pelle, ti consiglio di leggere di più sulle maschere viso CLICCANDO QUI.

Continua a leggere e scopri gli altri due consigli nella pagina successiva!

Continua >>

Facebooktwitter

Commenti

Pagine: 1 2