5 raccapriccianti cose da sapere

Onicofagia cos’?? In psicologia ? l”abitudine di rosicchiarsi le unghie. Gli studi hanno dimostrato che ? dovuta a specifiche cause nervose.

Non voglio entrare in ambiti psicologici o medici poich? sono troppo distanti dal blog. Sicuramente una causa possibile ? l’abitudine. In tutta sincerit? non credo sia un’abitudine di cui esserne felici. Suona male dirlo per? ? un gesto piuttosto antiestetico, sicuramente antigienico, e che lascia dei segni terribili!

Vediamo insieme quali sono i 5 motivi per smettere di mangiarsi le unghie.

1.Igiene

In primis vi ? l’igiene. Mangiare le unghie comporta l’avvicinare dei batteri delle mani alla bocca. Ci? provoca infiammazioni gengivali, alito cattivo e infezioni.

2.?Fratture

Nei casi pi? eclatanti, mangiare le unghie ha causato fratture dei denti o addirittura perdita e problemi alla mascella.

3. Immagine

L’immagine che appare ? quella di una persona insicura, ansiosa e non curata. ?Sembrerai sempre alla ricerca delle tue mani per trovare sicurezza e conforto. Trova la forza in te stesso e non nelle tue unghie! Vedrai che ti sentirai meglio ๐Ÿ™‚

4. Estetica

Per anni ci hanno sempre fatto credere che occhi, viso e labbra sono le cose che si guardano per prime ad un primo incontro! Forse abbiamo visto troppi film… ๐Ÿ™ Le mani spesso sono oggetto di selezione per colloqui, test o semplicemente quando si conosce una nuova persona. Le mani sono visibili a tutti: quando mangiamo, quando gesticoliamo e quando le usiamo. Perch? rovinarle come se fossero ferite da lavoro?

5.?Effetto bambino

Le unghie mangiate sembrano quelle di un bambino e forse se stai leggendo questo articolo… non lo sei pi?!

Rimedi:

  • Potete tagliare le unghie molto corte, dando una forma rotonda e rimuovendo gli spigoli. ? un rimedio naturale molto prezioso per frenarsi dal mangiarsi le unghie
  • Prenotate qualche seduta di manicure ?cos? da motivarti a non mangiarle
  • nei momenti di noia non avvicinarti le mani alla bocca ma tienile impegnate.
  • Usare uno smalto amaro
Facebooktwitter