Ecco i tipi di baffi pi? comuni e come tagliarli?per avere un viso pi? bello.

Ci sono momenti dell’anno in cui si ha voglia di un look nuovo o semplicemente?voglia di cambiare. Ci sono molti tipi di baffi che possono essere adattati al tuo viso. Infatti se hai deciso di farteli crescere o di cambiare taglio ? necessario avere un modello per ispirarsi.

Vediamo insieme quali sono i baffi pi? comuni e come realizzarli.

Baffi Naturali

Tipi di baffi: naturali alla Johnny Depp. Men'sBeauty.it

Tipi di baffi: naturali alla Johnny Depp. Men’sBeauty.it

I baffi naturali sono la tipologia pi? diffusa nel Mondo e quindi anche la pi? semplice da realizzare. La loro particolarit? ? quella di adattarsi perfettamente a persone che non hanno molto tempo a disposizione per curarli. I baffi naturali?non richiedono molto tempo per essere gestiti. ? consigliabile tagliarli ogni 7/8 giorni andando a rifinirli con delle forbici e una lama o il rasoio.

Baffi a matita

Tipi di baffi: a matita. Men'sBeauty.it

Tipi di baffi: a matita. Men’sBeauty.it

I baffi a matita sono molto sofisticati e sono sinonimo di classe ed eleganza. Sono adatti a tipi di viso ovali o tondeggianti. Richiedono un tipo di cura quasi maniacale.

Baffi a ferro di cavallo

Tipi di baffi: a ferro di cavallo come John Travolta. Men'sBeauty.it

Tipi di baffi: a ferro di cavallo come John Travolta. Men’sBeauty.it

Questi baffi sono ideali per un volto strutturato, appariscente e molto maschile. Non ? un caso che sono stati parte del look di molti attori in alcuni film. ?per evitare un effetto disordinato ? necessario curarli e modellarli quotidianamente.

Baffi all’inglese

Tipi di baffi: all'inglese. Men'sBeauty.it

Tipi di baffi: all’inglese. Men’sBeauty.it

Sono i pi? difficili da realizzare. Talvolta ? necessario attendere 2/3 mesi prima di ottenere l’effetto desiderato?. Richiedono almeno per i primi tempi l’intervento di un barbiere che li indirizzi “nel verso giusto”.

Per scoprire tutti gli hair look in 100 anni di storia visita la sezione che trovi cliccando QUI! Buona lettura 🙂

Facebooktwitter